Microsoft Surface Pro 5: processore Kaby Lake e display 4K in arrivo?

surface-pro-5

Microsoft fa trapelare le prime indiscrezioni su Surface Pro 5, il nuovo tablet convertibile destinato ad un’utenza top: ecco le ultime news

Microsoft, reduce dal buon successo di critica di Surface Pro 4, è decisa a continuare sulla strada dei tablet convertibili con hardware top di gamma, preparandosi alla release 2017 di Surface Pro 5.

Sono trapelati nelle ultime ore alcuni rumor che fanno presagire l’arrivo di un dispositivo concentrato più che mai sull’ottimizzazione dei consumi e l’incremento contestuale delle performance hardware, con l’obiettivo di soddisfare quel segmento di utenza particolarmente esigente che ha decretato il successo della gamma Surface Pro.

Surface Pro 5 non cambierà, probabilmente, in termini di estetica: il design potrebbe essere veramente molto simile a quello che già conosciamo. Tuttavia, l’ibrido Microsoft integrerà i chipset Intel Kaby Lake (7° generazione) che supporteranno anche display 4K nativi, anche se al momento c’è chi suggerisce che una risoluzione elevata su uno schermo relativamente ridotto potrebbe non essere la scelta finale della casa di Redmond.

Altri importanti cambiamenti in merito alle specifiche tecniche Surface Pro 5 riguarderanno invece lo storage (fino ad 1 terabyte), capaci di superare Surface Pro 4 in diversi aspetti (ricordiamo che il modello di fascia più alta è dotato di SSD 512 GB e 16 GB RAM).

Verrà inoltre aggiunta una porta USB 3.0 ed una Type-C, assieme alla Thunderbolt 3, utile per connettere device esterni e ricaricarli rapidamente, oltre a permettere un transfer rate di velocità superiore. Il dispositivo, che presumibilmente sarà disponibile per la prossima primavera 2017, potrebbe integrare il riconoscimento di impronte digitali al di sotto dello schermo e una ricarica wireless per l’accessorio grafico Surface Pen.

Ancora da dibattere il sistema operativo di cui sarà munito Surface Pro 5: sarà proprio quel Windows 10 Redstone 3 su cui Microsoft è ancora all’opera da tempo? Non ci resta che seguire le prossime news Microsoft per saperne di più.

Via: Smartworld