Blogiko

la tecnologia in tutte le sfumature

Wikipedia, un pozzo senza fondi

Faccio una ricerca su Wikipedia come mi capita spesso, mi trovo davanti ad una richiesta di donazione e mi sovviene che un amico mi contattò qualche mese fa dicendomi: “Sai ho intenzione di donare il 5×1000 a Wikemedia Foundation.” “Bene”, dissi io! Donare è sempre un’ottima cosa, nel 2008 e nel 2009 l’ho fatto anche io (in realtà le mie sono state donazioni in danaro), anzi a Natale 2010 ho anche acquistato dei gadget sullo store di Wikimedia per fare alcuni regali.
Giusto per la cronaca Wikemedia Foundation è l’ASSOCIAZIONE No Profit che gestisce (fra gli altri) il sito Wikipedia, l’enciclopedia libera alla quale spesso ognuno di noi fa riferimento per soddisfare la nostra sete di conoscenza.

 

Bene.., in quell’istante però ebbi come una brutta sensazione, mi chiesi come mai successivamente io stesso non avessi continuato a donare per mantenere uno dei siti che uso più frequentemente, quando poi l’avevo fatto con tanto entusiasmo in passato.
Poi mi ricordai.
Il 2010, Wikipedia chiedeva ai propri utenti di contribuire alla raccolta fondi dell’associazione con l’obbiettivo di raggiungere 16 milioni di dollari, nel 2012, poi, la cifra da raggiungere era di 20 milioni, nel 2013, ancora, circa 30 milioni, tutto ciò perché contrari alla pubblicità in nome di una trasparenza e libertà di informazione.
In questo momento, la richiesta di donare è di nuovo presente sul sito, come ogni anno.

Ora, considerato che la struttura che gestisce il tutto ha meno di 50 dipendenti in totale in tutto il mondo, una cifra così esorbitante, pur essendo il quinto sito al mondo mai utilizzato, non ha ragione di esistere dato che tutto il lavoro “sporco” è fatto da volontari gratuitamente.
Faccio qualche ricerca.
Beh, vengo a scoprire che molti di questi volontari hanno, in passato, avuto a che dire con queste richieste esorbitanti, considerato anche che i costi tecnologici sono i soli veramente rilevanti sul budget, e lo sappiamo la tecnologia è oramai a buon mercato.
Ad ogni modo raccogliendo informazioni qua e la, leggo che oltre a loro, molti si fanno le mie stesse domande, c’e’ anche chi fa gossip (si parla di cene di Jimmy Wales coofondatore dell’associazione, pagate 1300 euro), ma nessuno alla fine riesce a capire dove vadano a finire tutti quei soldi.
Io personalmente mi accontento di porre la domanda, ma non so dare una risposta, e questa volta…. cercare su Wikipedia… non servirebbe.

(Visitatori Attuali 1, 1 visite giornaliere)

2 commenti su “Wikipedia, un pozzo senza fondi

  1. Ci vuole un certo impegno per mettere insieme tutte queste imprecisioni.. vediamo di fare un po’ di ordine.
    Nel piano annuale 2014/2015 di Wikimedia Foundation, si dice che vogliono arrivare a 240 dipendenti, con un aumento del 26% rispetto all’anno predente (fonte: https://wikimediafoundation.org/wiki/2014-2015_Annual_Plan_Questions_and_Answers#How_many_people_are_you_planning_to_hire.3F)
    Per quanto riguarda la tecnologia a buon mercato: magari i server saranno a buon mercato, ma la corrente, la ridondanza, il disaster recovery, e soprattutto la banda necessaria per alimentare il quinto sito più visitato al mondo, fanno lievitare un po’ il buon mercato. Se ci aggiungiamo i costi dello sviluppo software, abbiamo la ciliegina sulla torta. In totale stiamo parlando del 43% del budget della fondazione (fonte: https://wikimediafoundation.org/w/index.php?title=File%3A2014-15_Wikimedia_Foundation_Plan.pdf&page=6)
    La fondazione dedica una sezione del sito ai financial report, che pubblica due volte all’anno: a metà e alla fine; quelli finali hanno il bollino di KPMG, che si occupa della revisione (link: https://wikimediafoundation.org/wiki/Financial_reports).

    1. Effettivamente chiedo venia ci sono delle imprecisioni benchè alla fine ne elenchi solo una io ne ho trovata anche un’altra.
      Il numero di dipendenti della fondazione è effettivamente 210 circa e non 50. Ho sbagliato, avevo una info sbagliata e l’ho pubblicata senza verificarla, mi cospargerò il capo con la cenere.
      Tuttavia un’altra imprecisione sta nel fatto che nel 2012 hanno raccolto 34M di dollari e nel 2013 circa 46. Molto più di quanto ho scritto.
      Questi due particolari ti saranno evidentemente sfuggiti nel tuo elenco.
      Non so che previsioni hanno per il 2014 ma al ritmo del 20-30% di incremento annuale … il discorso si fa ancora più serio. Stiamo parlando di diversi soldini.
      Tu puoi parlare di costi dello sviluppo, dei dipendenti, della ridondanza, della connettività…. del garzone del bar e della signora delle pulizie… ma come conferma il buon Jimmy Wales, wikipedia ha 710 servers e Google 1 Milione. Se volessimo impostare una proporzione Google dovrebbe avere dei costi pari al PIL della CROAZIA (per difetto). E stiamo parlando di costi.
      Ad ogni modo io nn ho accusato nessuno. Ho posto solo un interrogativo.
      E per altro non sono nemmeno il solo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *