Cos’è un firewall, a cosa serve e come viene utilizzato

Firewall

Quante volte nell’ambiente lavorativo o nel campo dell’informatica avete sentito parlare dei Firewall. Molti di voi lo conosco a grandi linee sia in termini di significato che di funzionalità, altri meno. Oggi andiamo a capire meglio ed a scoprire cos’è un Firewall, a cosa serve e come funziona.

I Firewall, come indicato dalla parola stessa ovvero muro contro il fuoco, non sono altro che una sorta di blocco di sicurezza che controlla il traffico proveniente dall’esterno. In termini più informatici non sono altro che dispositivi software od hardware che vengono messi a protezione della interconnessione tra due reti esistenti. Queste possono essere una rete privata interna (LAN o intranet) ed una esterna (internet), oppure tra due reti differenti. Il firewall va quindi a controllare tutto il traffico proveniente dall’esterno, lasciando passare solamente quello che risulta autorizzato. Come avete capito la sua funzione principale è quella di garantire una sicurezza informatica alla rete in cui viene applicato.

Il firewall è una sorta di controllore, che va ad analizzare nel dettaglio tutti i pacchetti in ingresso alla nostra rete. sulla base delle regole definite dall’utente, esso andrà a bloccare o a lasciar transitare tutte le informazioni in arrivo della rete esterna. L’utilizzo di questi sistemi di protezione viene effettuato al fine di aumentare la sicurezza delle nostre reti. Con questi sistemi andiamo ad evitare intrusioni, attacchi, o ricezione di pacchetti potenzialmente pericolosi per la nostra rete ed i nostri computer. Visto l’aumento dell’utilizzo di internet sia a livello aziendale che domestico, l’utilizzo dei firewall ha avuto un aumento crescente nel corso degli ultimi anni. Nel campo delle navigazione web essi offrono la funzione di filtro di ciò che arriva da internet sulla base di diversi tipi di criteri. Potremo quindi attraverso l’introduzione di criteri, vietare la connessione su determinate porte o a determinate categorie di siti. Ecco alcuni esempi di limitazioni:

  • contenuti non adatti ai minori
  • contenuti ritenuti non pertinenti con l’attività lavorativa in presenza di una rete aziendale
  • contenuti esclusi in base alle informazioni veicolate, su base politica, religiosa o per limitare la diffusione della conoscenza (applicato come strumento di censura come in alcuni paesi orientali)

Il firewall è quindi una componente delle strategie per ottenere una maggiore sicurezza informatica della propria rete, ma non deve essere la sola. Si tratta infatti di una tecnologia soggetta anch’essa a vulnerabilità, sia di carattere esterno, sotto forma di attacchi che aggirano tali restrizioni (quali ad esempio i Trojan), sia di carattere interno e dovute agli utilizzatori stessi dalle reti (virus, portatili, connessioni abusive, etc).